venerdì 21 febbraio 2014

Di fiore in fiore… la Malva

Da anni ormai, il mio giardino è arricchito da numerose piante aromatiche ed officinali. Le ho acquistate negli anni, un po' qui un po' là, senza un progetto in testa, ma con la curiosità di provare a coltivare e utilizzare piante nuove ed antiche allo stesso tempo.
Nel mio giardino si trova di tutto, dal basilico al dragoncello, dalla calendula all'echinacea, dalla stevia al finocchietto selvatico; piante regalate, piante trapiantate e piante seminate.
Proprio per questo, da tempo volevo fare un "resoconto" del mio giardino: varietà di essenze, esigenze, caratteristiche ed usi, pensando di condividerlo, per aiutare chi magari vorrebbe realizzare un angolo di piante aromatiche ed officinali e magari è incerto sulle essenze da acquistare.

Oggi inizio con la più umile e la più rustica delle piante officinali: la Malva selvatica.


La Malva silvestre (Malva sylvestris) è una pianta erbacea perenne dal fusto eretto robusto e ricoperto di peluria, con un’altezza che può raggiungere i 150 cm; le foglie seghettate con un lungo picciolo, sono di varie forme e costituite da 5 – 7 lobi; i fiori sono formati da 5 petali bilobati e sono di colore violaceo (color malva) con venature più scure.
Cresce spontaneamente nei campi, lungo i bordi delle strade e nei terreni incolti, e si trova in tutta Europa, fino ad un'altitudine di 1300 m.

Il nome “Malva” deriva dal latino “mollire alvum” che vuol dire rendere molle e dal greco “malakos" che significa dolce e calmante; “sylvestris” significa selvatico.Questa pianta presenta l’eliotropismo, cioè il fiore si muove seguendo gli spostamenti del sole, come avviene nel girasole.

In giardino
In giardino, trova posto insieme alle altre erbe aromatiche, nei giardino dei semplici, oppure in un angolo del vostro orto.

Coltivazione e raccolta
E' facilissima da coltivare: si può ottenere tramite semina all'aperto in primavera, tramite talea o tramite divisione del cespo. Se si trova bene, si propagherà con molta facilità.
La raccolta si effettua, sempre e solo durante le prime ore del mattino, quando compaiono i primi fiori e fino a ottobre. 
Le foglie ed i fiori (il bocciolo, prima che il fiore sbocci completamente) di primo raccolto, si essiccano all’ombra in luogo molto ventilato, e si conservano in recipienti ben chiusi al riparo dall’umidità. Se volete realizzare più raccolti in una stagione, dovrete tagliare fino a 10 cm da terra la pianta, a metà stagione (verso giugno-luglio), in modo da stimolarne una seconda fioritura.
I suoi fiori colorati attirano api e farfalle.


Indicazioni
La malva ha proprietà idratanti ed emollienti; se ne può preparare un infuso da aggiungere all’acqua del bagno o utilizzarla per preparare prodotti di bellezza come creme ed impacchi; è inoltre diuretica, lassativa e sedativa; è usata per curare infiammazioni della bocca, delle vie digerenti, urinarie e respiratorie. E’ inoltre utilizzata anche per la creazione di saponi, dentifrici e colliri. I germogli e le foglie giovani si usano anche in cucina crudi o cotti conditi con olio, limone e sale.

******************

Malva sylvestris

Terreno: qualsiasi

Esposizione: pieno sole, tollera la mezz'ombra

Fioritura: Aprile - Ottobre
Fiori: rosei, rosei-violacei

Profumo: ---

Altezza: fino a 150 cm
Larghezza: 60 cm

Semina in pieno campo: da marzo

Abbinamenti preferiti: Echinacea, Lavanda, Calendula

Usi: in erboristeria (foglie secche e fiori) per preparare infusi (fiori e foglie di malva, freschi o essiccati, in 1 litro d'acqua), decotti (50 g di malva sbollentati per 1 minuto in 1 litro d'acqua) e tisane, o sotto forma di compresse, creme ed impacchi. In cucina, la Malva può essere mangiata cruda, sola o in unione con altre insalate oppure cotta, come gli spinaci. Grazie al suo sapore leggermente dolciastro, viene usata nei risotti o nelle minestre; è ottima anche nelle preparazioni di polpette e ripieni per ravioli. I fiori possono nobilitare le pietanze, decorando il piatto, essendo commestibili al pari delle foglie.

Parti della pianta da utilizzare: fiori, foglie, radici

Proprietà terapeutiche: idratante, emolliente, depurativa, antinfiammatoria, antispastica, oftalmica, espettorante, analgesica.

Prezzo: Una bustina di sementi (che permettono di ottenere numerose piantine di Malva) costa 1,20 Euro.

A presto,
Made with Love for...

Nessun commento:

Posta un commento